Casa facile felice

0

Ottobre nell’Orto

Antonietta 01/10/2014

Ottobre è considerato il mese di parziale riposo per la terra. Possiamo già accorgerci che gli orti e i giardini cominciano a cambiare volto. Le foglie assumono un colore bronzato e i fiori si fanno radi. Gli ortaggi fanno fatica a maturare e l’erba perde il suo rigoglioso verde estivo.
Le piantine che per tutta l’Estate hanno dato frutti copiosi, vanno estirpate e lasciate sul posto per essere arate e usate come concime per la  successiva coltura. Vi descriviamo, come esempio, la sequenza che era in uso nello scorso secolo: dopo i Pomodori  era il momento di piantare l’insalata, alla quale sarebbe seguita la messa a dimora di finocchi o cavolfiori e poi di nuovo i Pomodori, a rotazione, con parziale riposo annuale del 25 % di terreno e sempre macinando con aratro o altri strumenti, le piante e i frutti non raccolti per varie ragioni.
Vi ricordiamo che i consigli di semina vanno rapportati alle latitudini nelle quali viviamo: nel nord Italia conviene tenere conto del clima più freddo e piovoso, mentre a sud si può ancora approfittare del sole e del tepore, per piantare in pieno campo legumi come i piselli.

  • Seminate in posto protetto la lattuga per la primavera successiva.

Si raccomanda di usare semi biologici in modo da fare da soli la scelta dei semi da conservare per l’anno successivo, quelli più sani e grossi.
Se non vi è possibile usare semi bio, controllate che sulla bustina che comprate non vi siano sigle con lettere e numeri (tipo F1) che sarebbe indice di semi ibridi; non è consigliabile conservare i semi ibridi perché sviluppano piantine non molto sane e fruttifere.

In piena terra potete seminare, tenendo conto di quanto detto sopra:

  • Aglio.

Piantate con la punta verso l’alto con 5 o 6 cm di spazio tra loro in file distanti 20 cm. La profondità deve essere il doppio del altezza del seme. Cospargete di cenere il terreno prima di piantare l’aglio per disinfettare e nutrire. Si consocia bene con le Rose; pare che piantando aglio intorno al Pesco si possano evitare alcune malattie come il mal della bolla. Si sconsiglia la consociazione con i Piselli e i Fagioli.

  • Cicoria.

Sia quella da taglio che quella da cogliere vanno protette se la temperatura dovesse scendere troppo; ne esistono molte varietà, quelle da taglio sono seminate a spaglio, mentre quelle da raccolta vanno poste in file distanziate tra loro più o meno di 30 cm. in base alla qualità.

  • Fava.

E’ una piantina che si adatta bene ad ogni tipo di terreno, va seminata in postarelle, distanti 30 cm tra loro, con 2 o 3 semi. La semina autunnale in questi casi è preferibile perché previene invasione di afidi che, in ogni caso, si possono tenere sotto controllo con accorgimenti che potete leggere in questo articolo. Si consocia con le patate.
Pre-germinazione dei semi di fava. Mettete 12 fiori di camomilla in 1 litro di acqua e lasciate macerare per 12 ore. Mettete in ammollo i semi per 1 ora circa (meno se i semi sono piccoli).

  • Finocchio.

E’ una pianta che cresce bene in terreni soffici e sciolti, Teme il gelo quindi si consiglia la protezione con foglie e paglia. Fate attenzione alla consociazione! La vicinanza di questa pianta nuoce allo sviluppo del cavolo e del fagiolo, l’assenzio invece ostacola la germinazione e la crescita del finocchio.

  • Piselli.

In Ottobre sono da preferire le varietà che daranno frutti a fine Inverno tenendo conto della latitudine. Non seminate nello stesso posto, specie per i piselli, i fagioli e in generale le leguminose, è necessaria la rotazione delle colture. I piselli si consociano alle carote e ravanelli; è consigliabile tenerli lontano da aglio e cipolle.

  • Topinambur.

Sono tuberi che possono essere rosa o bianchi, si piantano a 25 cm di distanza e si adattano bene in qualsiasi tipo di terreno.

  • Zafferano, Crocus sativus.

Si piantano ad una distanza di 25 cm e della pianta si usano gli stimmi per fare liquori o da usare in cucina.

  • Spinacio.

E’ una pianta che si raccoglie tutto l’anno, se opportunamente seminata. Tenete conto che nei mesi caldi va raccolta ogni 15 giorni mentre nei mesi freddi si può raccogliere ogni mese. Ha bisogno di molta acqua che in ottobre non dovrebbe essere un problema.

  • Cipolla precoce.

Trapiantate i bulbi in piena terra avendo cura di preparare un riparo per eventuali gelate. Non dimenticate che la cipolla vuole un terreno soffice e ben soleggiato e piuttosto povero di concime organico che altrimenti una volta raccolta la farebbero marcire in fretta. Ricordiamo che è importante che le foglie che ingialliscono siano abbattute per favorire l’ingrossamento del bulbo e che non deve essere innaffiata in questa fase. Si consocia bene con camomilla e lattuga precoce.

In questo periodo vi sono alcune varietà di ortaggi che subiscono l’imbianchimento. Vi sono molte tecniche per farlo, in base all’ortaggio; il cespo di scarola viene legata con un elastico ma una volta si legava con lo stelo di giunco per 10 o 15 giorni prima della raccolta. Il Porro invece,viene coperto con la terra.
In Ottobre si può operare la moltiplicazione delle piantine aromatiche e officinali come Melissa, Origano e Timo, per separazione dei cespi e messa a dimora in pieno campo o in vaso. Le talee di Rosmarino vanno tenute in luoghi luminosi e protetti.

  • Il prezzemolo va coperto per proteggerlo dal freddo e dalle prime gelate.
  • Le piante da frutto vanno potate dei rami secchi, danneggiati o morti, i frutti vanno raccolti: Melo, Pero.
  • In Ottobre si raccolgono anche i frutti dell‘Opuntia Ficus Indica, i fichi d’India gialli, rossastri o rosso carminio a seconda della varietà.pero,pyrus

La Vite merita una attenzione particolare: notizie, storia, leggende e ricette dolci o medicali in altri articoli in questo sito, su Facebook e su Twitter.

La Luna del Mese di Ottobre.

Luna Crescente.

  • Seminate i ravanelli all’aperto.
  • Piantagione.
  • In questo mese potete ancora riprodurre le piante aromatiche ed officinali perenni, con la divisione dei cespi: erba cipollina, dragoncello, melissa, maggiorana, origano, rosmarino, … .

Luna Calante.

  • In questo mese zappettate e concimate le aiuole che ospiteranno le nuove semine o trapianti.
  • Seminate le lattughe da taglio e da raccolta direttamente in campo.
  • Trapiantate le cipolle in pieno campo.
  • Piantate in pieno campo i bulbilli di aglio.
  • Raccogliete tutte le verdure per la conservazione e ricordate che gli scarti possono essere utilizzati per il compostaggio in superficie o in cumulo.
  • Ricordate di legare le scarole, le indivie e altre verdure che volete inbianchire.

Raccolta del mese.
Erbe aromatiche, bietole, cavoli, fagioli e fagiolini, lattughe, radicchi, insalate da taglio.

Related Posts

Leave a Comment

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!