Casa facile felice

Uncategorized
0

Prodotti e Soluzioni sgrassanti naturali.

Antonietta 28/08/2012

In questo articolo sono elencati i prodotti che puliscono e smacchiano  tutto quello che c’è  fuori e dentro la nostra casa, le quantità consigliate per realizzare le soluzioni liquide e le quantità ottimali  o necessarie se  si utilizzano prodotti in polvere.

Prodotti Solventi: sciolgono gli elementi che hanno procurato la macchia sui tessuti.

Acqua: è il solvente naturale per eccellenza, specie sulle macchie di prodotti che contengono zucchero. La più adatta a smacchiare è quella distillata perché povera di calcare infatti, l’acqua ricca di calcare in soluzione col sapone, produce sali di calcio che sui tessuti sono difficili se non impossibili da eliminare.
Alcol denaturato: va usato sui tessuti di cotone, bianchi o con colori resistenti. Le macchie di catrame, cera, resina, vernice possono essere trattate con soluzione di alcol e acqua, così come macchie di birra sui tessuti di lana; mai utilizzare alcol puro come più volte abbiamo specificato.
Alcol puro a 95°: è il solvente adatto a smacchiare i tessuti delicati come la seta. Le macchie vanno tamponate delicatamente con una spugnetta o una pezzuola. Adatto per smacchiare l’inchiostro della biro, ruggine e liquore.
Glicerina: si acquista in farmacia e ed elimina quasi tutte la macchie grasse, caffè, inchiostro di penna, olio e margarina. Per le macchie di profumo si può intiepidire la glicerina e tamponare delicatamente.
Ammoniaca: prodotto sgrassante e sbiancante, si utilizza diluita in ragione di 1 parte in 6 parti di acqua, per tessuti resistenti.

Prodotti Assorbenti: hanno la proprietà di assorbire le macchie specie se grasse e assorbono quelle sciolte dai solventi, evitando antiestetici aloni.

Assorbenti di Origine Vegetale.
Farina e Fecola: vanno sparse sulle macchie e quando avranno assolto al loro compito vanno eliminate con la spazzola avendo cura di farlo energicamente o delicatamente in base al tipo di tessuto; quando si utilizza, sul dritto del tessuto, un solvente per eliminare la macchia, le polveri vegetali vanno messe sul rovescio del tessuto.
Carta assorbente: va usata mettendola sopra e sotto la macchia ( sul dritto e rovescio del tessuto) per un completo ed efficace assorbimento.
Pezzuole di cotone: possono essere utili a condizione che siano bianche e perfettamente pulite.

Assorbenti di Origine Minerale.Talco, Gesso, Bianco di Spagna.
Sono polveri ideali per eliminare le macchie grasse e si possono usare sia calde che fredde.
a caldo: basta metterle per qualche minuto in forno caldo o scaldarle con il ferro tiepido usato a secco, quando sono già sparse sulla macchia da trattare.
a freddo: si sparge le polvere sulla macchia da trattare e si copre con un foglio di carta assorbente, si opera allo stesso modo sul rovescio del capo comprimendo con un peso e lasciando agire per 30 minuti; nel caso di macchie resistenti o molto grasse, bisognerà ripetere l’operazione ancora 1 o  2 volte.
E’ importante ricordare che il talco, il gesso, come anche il bianco di Spagna sono polveri adatte ad essere utilizzate su tessuti e capi di cotone bianchi; su tessuti colorati è opportuno usare l’argilla.

Prodotti Decoloranti: ad oggi non si conoscono decoloranti naturali.

Candeggina: si diluisce da 2 a 10 cucchiai per litro, si usa solo su tessuti bianchi resistenti. MAI usare la candeggina con l’acqua calda o peggio,  bollente: il calore fisserebbe indelebilmente le macchie! E’ bene ricordare che il candeggio avvia sul tessuto un processo di ossidazione che scolorisce le macchie sbiancando il tessuto che, purtroppo, indebolisce le fibre! Per ridare morbidezza ai panni candeggiati, si può aggiungere una tazzina aceto nell’acqua dell’ultimo risciacquo.

Acqua ossigenata: la troviamo in vendita a 12 volumi e si usa diluita 1 parte in 4 parti di acqua o si può usare diluita in 1 litro di acqua in ragione di 1 o 2 cucchiai. E’ adatta a togliere macchie di fiori, erba, frutta, su tessuti naturali bianchi come la seta e la lana sui quali è innocua. Sui tessuti colorati e sintetici va usata con cautela, meglio fare una prova in un angolino del capo da smacchiare per essere sicuri di non fare danni; toglie le macchie di cioccolato, sangue, inchiostro della biro, vino e colla attaccatutto. E’ un prodotto che evapora facilmente per cui è consigliabile tenere il contenitore chiuso e al buio.

Prodotti ecologici.

Aceto bianco: si usa diluito 1 in 3 parti di acqua,toglie macchie di inchiostro e aggiunto al risciacquo, ravviva i capi colorati. Da non usare sui tessuti di acetato.
Bicarbonato: aggiunto nell’acqua fredda in ragione di un cucchiaio per 3 litri, toglie le macchie di sudore.
Sale fino: sciolto in acqua fredda in soluzione di 1 bicchiere ogni 5 litri di acqua, toglie le macchie di sangue; sciolto in acqua calda, toglie le macchie di cioccolato. La soluzione preparata con 1 cucchiaio di sale e 3 cucchiai di alcol denaturato, toglie dai tessuti le macchie di unto. Per togliere le macchie di vino basta cospargere il sale sulla macchia, lasciare agire per 20 o 30 minuti e spazzolare; ripetere l’operazione di smacchiatura se dovesse essere necessario.
Saponaria: è una pianta che sbattuta sull’ acqua rilascia una schiuma ricca di saponina adatta a smacchiare i tessuti. Viene commercializzata in polvere da usare come assorbente per eliminare le macchie.
Succo di limone: si utilizza caldo sulle macchie di ruggine e freddo per eliminare quelle di frutta tamponando con una pezzuola o una spugnetta.

Se avete bisogno di consigli, avete dei dubbi, volete dare dei suggerimenti o fare delle critiche,  scriveteci, saremo lieti di ascoltarevi.

Related Posts

Leave a Comment

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!