Casa facile felice

0

Rosa canina

Antonietta 18/02/2013

Tra gli arbusti conosciuti e apprezzati per le loro proprietà farmacologiche naturali, il più antico è sicuramente la Rosa canina; reperti archeologici rinvenuti in Svizzera, testimoniano che questa pianta era già nota nell’età della pietra. E’ presente in tutto il bacino del Mediterraneo, fino alla fascia centro settentrionale Europea; viene coltivata come pianta ornamentale anche in America settentrionale.  Alle latitudini con clima mite,  è possibile  trovare arbusti di Rosa canina anche a 1300 metri di altitudine.
E’ un arbusto cespuglioso che può crescere fino a 3 metri, che predilige i luoghi assolati.

 

 

 

 

 

Le sue radici sono serpeggianti e anche per questa peculiarità, il suo tronco  viene utilizzato come portainnesto.
I rami, numerosi e ricadenti, hanno spine ricurve; a volte sulla corteccia, si possono notare le galle,  piccole escrescenze sferiche, giallo – rosate,  filamentose,  provocate dalla puntura di un insetto, il Rhodites rosae.
Le foglie sono alterne, composte, caduche, con 5 o 7  foglioline di forma ovale, con margine seghettato,  colore verde scuro la pagina superiore e grigio-verde la pagina inferiore.

 

 

 

 

 

I frutti della pianta sono acheni pelosi racchiusi in un falso frutto, il cinorrodio, di colore rosso o rosso scuro quasi nero, molto duro; diventa morbido a fine inverno, il momento migliore per raccoglierli e utilizzarli.
I fiori sono profumati, bianchi o rosati, con 5 petali cuoriformi, fioriscono in primavera.
La riproduzione avviene per talea, tagliando un ramo ben lignificato con almeno tre gemme, avendo cura di tenere sempre umido il terreno per una perfetta radicazione.
La Rosa canina è molto diffusa nelle siepi, radure e macchie, sia di collina che di pianura, con predilezione dei margini di sentieri  in terreni incolti.
Dai semi è possibile ricavare un macerato  antiparassitario naturale,  da utilizzare sulle piante;  procedete  in questo modo:

  • 1 litro di acqua,
  • 70 grammi di cinorrodi di Rosa canina,
  • 30 grammi di foglie di Rosa canina,
  • contenitore di vetro capiente con coperchio.

Mettete  nel contenitore l’acqua,  i frutti e le foglie.  Lasciate macerare per 15 giorni al buio, agitando il liquido di tanto in tanto; trascorso il tempo, filtrate e riponete in un contenitore munito di spruzzino.  Al bisogno, irrorate le foglie delle piante, preferibilmente la mattina, alle prime luci dell’alba.

Notizie storiche, curiosità e virtù della Rosa canina sono disponibili in questo articolo.
Nella sezione dedicata, trovate l video – ricetta   Composta di Rosa canina.
Le preparazioni terapeutiche per pervenire e curare molti disturbi, sono in questo articolo, nella sezione Star bene.

Related Posts

Leave a Comment

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!