Casa facile felice

0

Lampuga al forno con patate

Antonietta 12/03/2014

La Lampuga (Coryphaena hippurus) è un pesce facilmente identificabile, per la sua fronte gobbosa e per i suoi splendidi colori con sfumature blu e verdi, molto accese nel maschio, facile da trovare anche sui banchi del pesce. La preparazione mostrata nelle foto è adatta ad un pesce che pesi almeno 600 grammi, cosicché possa insaporire le patate senza perdere il suo gusto e profumo.
Ingredienti:

  • 600 grammi Lampuga,
  • 500 grammi patate,
  • prezzemolo,
  • basilico, sale,
  • origano, aglio,
  • 1 limone,
  • olio extravergine,
  • teglia capiente.

Infilate la punta del coltello o delle forbici nel dotto anale del pesce e incidete fino alle branchie; evisceratelo e con il coltello, raschiate delicatamente anche la pelle; lavatelo bene sotto il getto dell’acqua. Tritate grossolanamente gli aromi e mescolateli. Affettate la buccia del limone in fettine sottili e spremete il succo. Tagliate a tocchetti le patate e conditele con gli aromi; mescolate bene, irrorate con olio e fate cuocere in forno caldo a 200°C. per 20 minuti o comunque fino a cottura quasi ultimata.

 

 

 

 

Farcite la Lampuga con gli aromi e fettine di buccia di limone; mettete nella teglia di cottura, aggiungete anche qualche pizzico di aromi, fettine di bucce di limone e irrorate con il succo di limone, una spruzzatina di vino bianco se piace e olio extravergine.

 

 

 

 

Aggiungete le patate  e  fate cuocere tutto in forno caldo a 200°C per 10 minuti,  poi rivoltate il pesce e fate cuocere per altri 10 minuti.

 

 

 

 

Le indicazioni di cottura, sono per una Lampuga di 600 grammi già eviscerata, mostrata nelle foto; in generale 15 – 20 minuti sono sufficienti per la cottura di pesci piatti come la Platessa (Pleuronectes platessa) o il Rombo ( Scophthalmus maximus) del peso di 500 – 600 grammi, già puliti; i pesci come il Pagello (Pagellus erythrinus) o il Sarago (Diplodus sargus) che sono più cicciottelli, devono cuocere 3 – 5 minuti in più.

 

 

 

 

Se volete, potete fare la prova forchetta: fate lentamente penetrare i rebbi della forchetta perpendicolarmente alla spina del pesce, se scendono fino in fondo alla padella come se penetrassero in un panetto di burro morbido, il pesce è cotto al punto giusto e quando tirate fuori la forchetta, i rebbi sono umidi di umori del pesce; se trovano resistenza, il pesce non è ancora cotto bene; se quando tirate fuori la forchetta i rebbi sono sporchi di briciole di pesce allora è cotto troppo ed è diventato stopposo. Altre ricette con pesce azzurro, sono disponibili qui.

Related Posts

Leave a Comment

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!